ANANAS: il top dopo il cenone di CAPODANNO!

ANANAS: il top dopo il cenone di CAPODANNO!

 

tempo di lettura 2′

Ananas: brucia davvero i grassi?

L’ananas è il frutto di una pianta erbacea originaria dell’America meridionale, probabilmente dal Brasile. Cristoforo Colombo scoprì questo frutto e lo fece conoscere in Europa. Appartiene alla famiglia delle Bromeliacee: la specie più diffusa è l’Ananas sativus e le varietà più coltivate sono la Cayenne Lisse, la Smooth Cayenne, la Queen Victoria e l’Extra Sweet. Ad oggi questo frutto viene coltivato in tutte le regioni tropicali, in particolare Costa Rica, Costa d’Avorio, Ghana e da qui viene esportato. Il frutto si presenta come una pigna ovale, dalla polpa di colore giallo, fibrosa, succosa e zuccherina. Il peso del frutto può arrivare fino ai 4-5 kg. Al centro della polpa vi è un fusto fibroso che non è commestibile.

Il profilo nutrizionale dell’Ananas

La parte edibile di tutto il frutto è il 57%. L’ananas su 100 g apporta un valore energetico di 40 kcal, ed è composta dall’87 % di acqua, da 0,5 g di proteine, da 10 g di carboidrati semplici, e 1 g di fibre. Inoltre, l’ananas contiene sali minerali come potassio, magnesio e fosforo e vitamine idrosolubili come vitamina C e acido folico. L’ananas contiene anche l’acido malico, acido ossalico e l’acido citrico, essi svolgono una funzione diuretica, per questo l’ananas può essere considerato un frutto utile da consumare per contrastare la ritenzione idrica e di conseguenza l’insorgere della cellulite.

Inoltre questo frutto contiene la bromelina, sostanza che ne conferisce tantissime virtù salutari. La bromelina è un enzima sulfidrico dalle numerose proprietà, infatti svolge azione antiinfiammatoria, antiedematosa, cioè è in grado di risolvere edemi dovuti a traumi o infiammazioni, ed ha azione proteolitica, cioè aiuta il processo di digestione delle proteine.

È molto diffuso il detto che l’ananas “bruci i grassi” o che “faccia dimagrire”. Ma sarà effettivamente vero? Diciamo che l’ananas associato ad altri principi fitoterapici, ad esempio iperico e fucus, porta ad avere un effetto anoressizzante oltre che un’azione leggermente antidepressiva, per questo vengono impiegati in molti prodotti dimagranti. L’insieme degli estratti porta ad avere un “effetto dimagrante”. Ma questa credenza largamente diffusa non ha alcun fondamento sull’ananas consumato da solo e nelle quantità che si assumono normalmente in una giornata alimentare o in un pasto. In conclusione possiamo dire che l’ananas aiuta a digerire un pasto ricco di proteine, ma non aiuta a “bruciare” un pasto ricco di grassi. Quindi dopo aver mangiato una buona e sostanziosa bistecca, via libera al consumo di ananas!

2020-01-01T20:28:20+01:00